Per anni ho vissuto con un piede in un mondo e uno nell'altro, attratta dall'universo esotico che mi attendeva oltre il portale, trattenuta da quei moniti che mi risuonavano in testa come campanelli d'allarme

Valentina Ferrari della biblioteca di Minerbio consiglia “Ex ortodossa” di Deborah Feldman

La protagonista è una bambina che cresce con i nonni paterni in una comunità chassidica ultraortodossa. La realtà raccontata nel romanzo sembra d'altri tempi: gli uomini dettano le regole e le donne sono costrette a subirle, ma invece di essere solidali le une con le altre, sono ligie al dovere e denunciano tutto ciò che non rispetta i dettami del rabbino. L’obiettivo della loro esistenza è quella di essere delle brave mogli e madri, la devozione al marito deve essere totale.

Un romanzo che mi ha fatto scoprire un mondo che non conoscevo e in molti passaggi mi ha colpita, anche in maniera negativa. Diventa difficile capire e immedesimarsi in una realtà simile per chi vive la nostra epoca, con tutte le libertà e gli agi. In questo memoir intimo l'autrice ripercorre passo dopo passo il suo distacco dalla comunità, i dubbi esistenziali e in particolare il rifiuto verso la regola che proibisce a una donna di leggere e di avere un'istruzione avanzata.
Dal libro è stata tratta la serie tv Netflix Unorthodox, che tuttavia differisce in molte parti dal libro. Il ritmo del testo non è incalzante ma ho comunque apprezzato la lettura.
Un romanzo adatto a chi ama le storie vere, che offre spunti di riflessione su diversi temi.

Ex ortodossa
Deborah Feldman
Abendstern, 2020

Clicca qui per saperne di più e per verificare la disponibilità nelle biblioteche